Un passo oltre gli attuali limiti della tecnologia a fibra

Progettate per operare in un ambiente produttivo sempre più interconnesso, grazie agli sviluppi dell’IoT e del concetto My V-factory implementato da Amada, il costruttore giapponese di macchine e sistemi per la lavorazione della lamiera ha presentato alla EuroBLECH 2018 diverse novità di gamma. Su tutte il sistema di taglio VENTIS-3015AJ da 4 kW, premiato per l’innovazione tecnologica che rappresenta, seguito dai più recenti upgrade tecnologici della gamma ENSIS.

di Cesare Pizzorno

È stata indubbiamente ricca di novità la partecipazione di Amada alla EuroBLECH 2018. Il costruttore giapponese di macchine e sistemi per la lavorazione della lamiera, infatti, ha “mostrato i muscoli” presentando in anteprima mondiale VENTIS
-3015AJ – il primo sistema di taglio basato su una nuova generazione di laser a fibra con potenza laser di 4 kW e un solo modulo per tagliare materiali sofisticati senza compromessi – al fianco dei più recenti sviluppi della tecnologia laser ENSIS. E se per il primo possiamo parlare di una novità assoluta per il mondo fibra – come testimonia il premio assegnatogli (vedi box) – in quanto permette di lavorare acciaio inox, alluminio e altri materiali con una qualità di taglio pari a quella di un laser CO2, nel caso di ENSIS parliamo di importanti migliorie apportate a una tecnologia già consolidata basata sulla modulazione variabile del raggio laser che assicura velocità e qualità elevate per processare sia la lamiera che il tubo, ma anche per operazioni di saldatura.
In tempo di fabbrica interconnessa, la partecipazione alla rassegna tedesca è stata poi inevitabilmente focalizzata sugli sviluppi del concetto My V-factory messo a punto da Amada per facilitare il monitoraggio della produzione e lo scambio di dati tra i vari sistemi di produzione. Basato su una logica IoT, My V-factory consente di visualizzare in tempo reale l’intero ambiente produttivo interconnesso. Il collegamento diretto con il nuovo IoT-Support della casa giapponese, poi, è finalizzato a una risposta sempre più pronta in tema di customer service per la prevenzione degli errori e per un supporto immediato al cliente da parte del costruttore.

Ancora più opzioni per il taglio laser fibra
Venendo adesso alla gamma ENSIS di Amada, ad Hannover questa si è arricchita di altri modelli. Pensata anche per tagliare acciaio dolce con spessori elevati, la macchina di taglio laser fibra ENSIS-3015AJ da 9 kW – dotata del nuovo cambio pallet elettrico LST-3015e – è equipaggiata con il sistema di controllo variabile del raggio laser nonché con il sistema di auto-collimazione. La combinazione di queste due tecnologie assicura la qualità nel taglio e nel piercing con velocità estremamente alte anche, come detto, quando si processano spessori elevati. Per esempio, l’acciaio dolce da 25 mm di spessore può essere forato in appena un secondo.
Alla EuroBLECH era in mostra anche il modello ENSIS-3015AJ da 6 kW, perfetto per applicazioni automatizzate ad alta produttività. La macchina può essere collegata alla torre di carico/scarico ASF-3015EU, così come al sistema per la rimozione dei pezzi TK-3015L.

Dal taglio alla saldatura con un’unica tecnologia
Sempre in tema di taglio laser fibra, la macchina ENSIS-3015RI da 3 kW è pensata per una gamma molto ampia di applicazioni, che vanno dalla lavorazione della lamiera piana fino alla lavorazione di tubi. In particolare, possono essere processati tubi rotondi, quadrati o rettangolari, così come sezioni cave o angolari. Il cambio formato, dalla lamiera piana al tubo, può essere effettuato in meno di due minuti.
Come detto in precedenza, la tecnologia
ENSIS di Amada può essere impiegata anche nelle operazioni di saldatura. Equipaggiata con una sorgente laser fibra proprietaria da 3 kW, la cella di saldatura FLW-ENSIS M5 può contare sulla funzione filler wire, garanzia di alta qualità. Il modello M5, in particolare, presenta due diversi banchi di preparazione, in modo tale che il pezzo successivo possa essere preparato senza interrompere il ciclo di saldatura.

La combinata taglio-punzonatura con cambio utensile automatico
Un’ultima innovazione arriva dai sistemi combinati, nell’ottica della riduzione sia dei costi operativi che del setup. Presentata in anteprima alla EuroBLECH, la combinata EML-2515AJ da 3 kW riunisce in un’unica macchina una punzonatrice servo-elettrica con capacità di punzonatura di 300 kN e un sistema di taglio con sorgente da 3 kW, appunto.
L’unità PDC (Punch Die Changer) consente fino a 220 utensili di punzonatura e 440 stampi, per un cambio utensile automatico durante il ciclo di lavorazione per ridurre sia il setup che il downtime. Il modello EML-2515AJ è equipaggiato con il sistema di carico/scarico automatico RMP-3015N.